Il gatto siberiano

Siberiano: origini, storia e curiosità.

Il Siberiano è un gatto dalle dimensioni medio-grandi di forte  ossatura, robusto, potente e muscoloso.

Gatto Siberiano

Le storie sulle origini del gatto Siberiano, che si tramandano attraverso i racconti della tradizione popolare russa sono diverse. In queste storie, più che a un tipo di gatto ben definito, ci si riferisce genericamente all’antico gatto che viveva nei boschi; storie di gatti che provenivano dall’Asia minore seguendo le antiche rotte commerciali della via della seta oppure di gatti delle steppe che si accoppiavano con gatti selvatici dei boschi.

Altre storie vogliono che i gatti siberiani siano il frutto della selezione naturale fra gatti selvatici  e gatti domestici portati nella Russia Siberiana da coloni intorno all’anno 1050. Le rigide condizioni climatiche resero questi felini resistenti ed esperti cacciatori, forti, di dimensioni massicce e compatte, con pelo semi-lungo, mantello idrorepellente e cute particolarmente spessa, per una migliore termoregolazione corporea. La storia più recente riporta che la selezione del moderno gatto siberiano si deve ai coniugi Hans e Betty Schultz, dell’ex Germania dell’est, che solo nel 1989 importarono  diversi soggetti direttamente da San Pietroburgo, fondando l’allevamento “Newskij’s.

Negli Stati Uniti la diffusione della razza si deve principalmente a due persone: David Boehm, un amante dei gatti americano che  riuscì a farsi spedire direttamente dalla Russia 15 soggetti contemporaneamente e,  Elisabeth Terrel,  un’allevatrice di persiani che in Louisiana, scambiò alcuni gatti del suo allevamento con cuccioli siberiani appartenenti a Nellie Sachuk, allevatrice russa e membro del Katofej Cat Club di Leningrado (San Pietroburgo). La razza è riconosciuta oltre che dai club e dalle federazioni dell’Unione Sovietica,  dall’Acfa, dal WCF e dal 1997 dalla F.I.F.e. Negli Stati Uniti la razza è stata riconosciuta dalla T.I.C.A. dal 1998 e fu accettata dal Cat Fanciers’ Association (CFA) il 6 febbraio 2000 e da altre  associazioni indipendenti.

Una particolarità dei gatti Siberiani è la ridotta quantità di proteina Fel D1 presente nella loro saliva.  Questa proteina di norma è presente in elevate concentrazioni nella saliva dei gatti, responsabile delle reazioni allergiche negli esseri umani, e trasferita sul pelo durante le normali operazioni di pulizia, cosicché spesso si crede di essere allergici al pelo dei gatti.  La ridotta produzione di Fel D1, rende il gatto siberiano, di fatto, una razza “ipoallergenica”.

Il gatto Siberiano è un felino estremamente agile, pronto e potente, grande cacciatore, amante dell’acqua e della vita all’aria aperta; la femmina è normalmente più leggera, forse un po’ più casalinga, entrambi sono amanti del gioco e dei giocattoli. Il corpo è di media lunghezza, compatto con un forte pelo di copertura. L’espressione è selvaggia e decisa. Questa razza ha uno sviluppo “tardivo” e raggiunge la piena maturità  molto tardi,  può raggiungere i 7-9 chili nel Maschio e i 4-6 chili nella femmina;  in alcuni casi, se castrato, può raggiungere i 10 chili.  La sua vita media è di circa 15 anni.

Siberiano: aspetto generale del gatto.

Il corpo del gatto Siberiano è di media lunghezza e  massiccio, ben muscoloso. Una particolarità è la schiena leggermente inarcata sopra le spalle che appare orizzontale quando è in movimento. Ha il petto ampio e un corpo ben proporzionato che gli conferisce il caratteristico aspetto rettangolare. Gli arti posteriori sono leggermente più lunghi di quelle anteriori, i piedi sono grandi e rotondi che spesso hanno  dei ciuffi di pelo tra le dita. La coda è di media lunghezza, è più corta della lunghezza del corpo, spessa, arrotondata, larga alla base e si assottiglia progressivamente verso la punta, coperta su tutti i lati da pelo fitto ma senza peli che si trascinano verso il basso.

La testa del gatto siberiano

gatto siberiano fronte

Testa vista di fronte del gatto Siberiano

gatto siberiano profilo

Profilo del gatto Siberiano

La testa è relativamente grande, in forma di un corto e largo trapezio, con contorni arrotondati, ben proporzionata al corpo, massiccia. La parte superiore

della testa è piatta. Una transizione graduale da una fronte larga, bassa, solo leggermente arrotondata , fino al largo e dritto setto nasale. E’ più ampia nella parte superiore del cranio e si restringe leggermente verso il muso che deve essere pieno e tondo. Gli zigomi sono né alti né impostati prominenti. Le guance, i baffi e il mento formano una linea morbida e arrotondata, di profilo leggermente inclinata all’indietro. Il naso è di media lunghezza, senza stop e non camuso. Il mento è ampio, abbastanza forte, ma non sporgente. Il collo è forte e corto, rotondo, consistente e ben muscoloso. La lunghezza del naso, la distanza tra la parte superiore della testa e la linea delle sopraciglia, e la distanza tra la parte superiore e inferiore del tartufo sono quasi uguali.

Orecchie sono di grandezza media, larghe alla base. La linea esterna dell’orecchio è verticale, il bordo esterno dell’orecchio è leggermente al di sopra degli occhi. Le orecchie sono leggermente inclinate in avanti, le punte sono arrotondate. La distanza tra le orecchie dovrebbe essere tra 1 e 1,5 volte la larghezza della base dell’orecchio. L’altezza visibile dell’orecchio è leggermente superiore alla larghezza della base dell’orecchio. Il pelo sulla parte posteriore dell’orecchio è corto e sottile. Dalla metà dell’orecchio, il pelo diventa più lungo e copre la base dell’orecchio. Alcuni soggetti presentano dei

ciuffi sulla sommità delle orecchie  (lynx-tips). Gli occhi del gatto siberiano sono di media grandezza, né rotondi né a mandorla, l’arco superiore dell’orbita è più corto di quello inferiore, con la forma appuntita verso la base dell’orecchio; ben distanziati e leggermente obliqui. La distanza tra gli occhi è all’incirca quanto la larghezza di un occhio. Il colore degli occhi è verde o giallo di tutte le sfumature. I soggetti di colore bianco possono avere gli occhi di colore blu. E’ possibile l’imparità del colore degli occhi nei gatti con il mantello “van” e bianchi. Non vi è alcuna relazione tra il colore degli occhi e colore/disegno del mantello.

Il  mantello del siberiano

Il mantello del gatto siberiano è di media lunghezza. Il pelo di copertura è crespo al tatto, lucido, idrorepellente e ricopre completamente il dorso, i fianchi e la parte dorsale della coda. Sui fianchi il pelo è più soffice, poco aderente e molto compatto; è dotato di un fitto sottopelo, la cui condizione dipende dalla stagione. Il pelo è particolarmente lungo sul collo, torace, sulle zampe posteriori (pantaloncini) e sulla coda. Il ventre e la parte dietro delle zampe posteriori sono ricoperte esclusivamente dal sottopelo. In estate il mantello è nettamente più corto del mantello invernale.

creative commons
Disclaimer: la descrizione qui riportata è stata realizzata tenendo conto dei principali standard.
L'uso dei disegni è stato gentilmente concesso da ICB (International Cat Book) e i contenuti sono protetti dalla Creative Commons License - Attribuzione non commerciale, non opere derivate.

Potrebbero interessarti anche...